I bottoni più simpatici e trendy del mondo

20/02/2012 - Se ne parla

Esistono mercerie preziose e raffinate come gioiellerie come quella di De Paoli Aurelio, che ho scoperto durante una passeggiata in via Vincenzo Monti a Milano. Tra eleganti passamanerie, sete, lane, gli amati bottoni. Accessori minuscoli come l’unghia di un indice capaci di risplendere come un brillocco e di impreziosire ogni capo.

Bottongufi

Iridescenti come quelli in madreperla, inusuali, divertenti, vintage, asimmetrici, pezzi unici da collezionare. Ho studiato la vetrina per un quarto d’ora, mentre all’interno la signora mostrava il campionario nelle custodie di pelle, rendendoli ancora più appetibili. Con i bottoni ci si può sbizzarrire. C’è chi li utilizza per creare originali accessori come anelli e orecchini o addirittura chi li reinventa trasformandoli per esempio nei Bottongufi, che la scorsa estate mi hanno osservata appollaiati in una vetrina di Taormina.
Occhioni buffi, penne colorate, sguardo vigile, gli amabili pennuti sono spille realizzate appunto con bottoni d’epoca, firmati, ma anche orologi e cammeo. L’idea è di Francesca Morini e Nimé Studio. Sul sito ufficiale http://bottongufi.blogspot.com potrete ‘sfogliare’ il family portrait. Quelli che sono già stati ‘adottati’ salutano da ogni parte del globo. C’è Tony Ciclone appassionato degli Solinvictus, Ciccio Pastiche che sorseggia un caffè in trasferta a Strasburgo, chi non rinuncia alla classica posa da cartolina alla Torre Eiffel di Paris, o allo svago all’ingresso del sogno Disneyland, magari il prossimo potrebbe essere nostro. Se venisse qualche acciacco, niente paura, c’è la clinica personale, loro lo cureranno e ce lo invieremo a casa sano e salvo!

Alessia Impagliazzo