Una favola…

24/01/2012 - Se ne parla

“… Ogni uomo è una trappola, alcuni sono trappole taglienti, altri pozzi vuoti, altri meravigliosi come un veleno irresistibile, ma di base, l’uomo ha l’omicidio nel cuore…”.

Cartellone spettacoloAbiti Miu Miumodelli di Miu Miu

“Favola. C’era una volta una bambina, e dico c’era perché ora non c’è più”. La piece teatrale di Filippo Timi, autore e interprete con Lucia Mascino (Mrs Emerdal) e Luca Pignagnoli (gemelli Stewart), presentata in prima nazionale al Teatro Franco Parenti www.teatrofrancoparenti.it di Milano, mi ha regalato un Capodanno sopra le righe. L’atmosfera natalizia vissuta sul palco si è intrecciata a quella delle mie feste, lasciandomi un ricordo indelebile.
In un soggiorno americano degli anni ’50 ritroviamo in tacchi, unghie laccate e una perfetta messa in piega Mrs Farytale (Filippo Timi) cercare il suo barboncino – impagliato -, stupenda nei costumi ideati per lei e gli altri protagonisti dall’Atelier Miu Miu, con la direzione creativa di Fabio Zambernardi (Meraviglioso quello bianco e nero indossato da Grace Kelly ne “La finestra sul cortile”, ricreato per il secondo atto).
La sua vita è paradossale, surreale, bizzarra, provocatoria, vive in una gabbia dorata in cui tutto è perfetto, o quasi.
Intervallate dagli spot di Carosello, grazie alla collaborazione della Fondazione Cineteca Italiana-Milano, i brani più classici del repertorio natalizio come quello di Doris Day e Nat King Cole che fanno da colonna sonora alla trama, cedono il passo alle atmosfere hitchcokiane. Filippo Timi piroetta in modo leggiadro. E’ sensuale, instancabile, dirompente, riflessivo, autoironico, gioca coi clichè e con i “generi”. C’è anche spazio per l’improvvisazione che spesso strappa un sorriso agli stessi attori.
Ma “nessuna Favola è mai perfetta come sembra – scrive Timi – , per quanto imbalsamata tu possa resistere dietro la bugia di un sorriso, la vita, carnosa, brutale, spietata, una notte magica di Natale busserà alla tua porta, e nulla sarà mai più come prima….”. Mrs Fairytale e Mrs Emerdal sono due donne, due amiche, due impeccabili mogli che riscoprono avere accanto l’una un marito violento, l’altra uno omosessuale, arrivando al momento più intenso, a uno scabroso segreto da nascondere.
Non è possibile fare foto, come prega Timi al termine della rappresentazione, se volete vederlo “conciato così” non vi resta che sedervi in poltrona. Un consiglio, non perdetelo! (per seguire la tournée http://www.filippotimi.com/favola-tour2011.html )

Alessia Impagliazzo