Dolci “piccoli mostri”

23/12/2011 - Cucina e contorni

Biscotti di Alessia

Probabilmente Lady Gaga esclamerebbe “little monster!”. Dipende dai punti di vista, come primo esperimento direi che questi Gingerbread (Pan di Zenzero) non sono così male, soprattutto dopo aver dato il primo morso. Il sapore, insolito grazie alle spezie, mi ha colpito, così, dopo essere andati a ruba, ho deciso per una nuova infornata. La ricetta che mi ha stuzzicato è stata quella di Lillaria che ho trovato su Cookaround  http://www.cookaround.com/yabbse1/entry.php?b=68055 .

Il tempo stringe, se volete regalarli e prepararne in quantità industriale come la sottoscritta, cominciate subito, perché è facilissimo.

Mentre scrivo la casa profuma e io ripenso divertita a Zenzy http://www.youtube.com/watch?v=pET0OLXJfoQ l’omino che ho rivisto di recente nel cartone Shreck. Lo ricordo disperato lamentarsi per essere stato lasciato dalla sua compagna per essere troppo “preso da se stesso e bla bla bla cra cra cra”. Quando ne chiede una nuova, per uno strano gioco del destino, lo stampino femminile si moltiplica, quadruplica all’infinito diventando a dir poco un incubo, soprattutto perché alla ricetta viene aggiunto troppo zucchero. Il risultato è decisamente stucchevole. Facendo tesoro di questa disavventura, ho deciso di andarci cauta seguendo il procedimento alla lettera. Un consiglio, non correte rischi neanche voi!

Alessia Impagliazzo

 

Gingerbread

Ingredienti

800 gr. di farina

200 gr. di burro

300 gr. di miele

180 gr. di zucchero

2 uova intere

1 cucchiaino di lievito per dolci

1 cucchiaino e 1/2 di zenzero in polvere

3 cucchiaini di misto spezie (Io ho usato il pisto che si utilizza per preparare roccocò, mostaccioli quaresimali. Ingredienti: noce moscata, chiodi di garofalo, coriandoli).

1 pizzico di sale

Per decorare

Glassa reale

Albume

Zucchero a velo

Qualche goccia di limone

 

Smarties

 

Procedimento

Lavorare il burro ammorbidito con lo zucchero, aggiungere le uova e amalgamare bene, poi unite il miele e il sale e continuare a lavorare.

A parte, mescolare la farina, il lievito e le spezie.

Unire questi ultimi al primo composto e impastare come una normale pasta frolla. Con lo stampino ricavate le forme (aiutandovi con un po’ di farina se l’impasto risulta un po’ appiccicaticcio).

Cuocere a 180° per 15 minuti circa, mi raccomando controllate la cottura perché dipende anche dallo spessore.

Aspettate che si raffreddino. Nel frattempo preparate la glassa reale. Montate l’albume a neve ben ferma con qualche  goccia di limone. Poco alla volta aggiungete lo zucchero a velo setacciato, fino a quando il composto non avrà raggiunto la consistenza desiderata (Solitamente per 2 albumi vengono utilizzati 400 gr di zucchero a velo. Se desiderate della glassa colorata basterà utilizzare i coloranti alimentari). Decorate a piacere (io ho usato una siringa) utilizzando la glassa per incollare gli Smarties, disegnare occhi, bocca e ghirigori su braccia e gambe.

Lasciare asciugare… addentare!