Idee Natalizie

21/12/2011 - Cucina e contorni

Aglio olio e peperoncino sull'albero

Immaginate che con i re Magi arrivi Fiorello indossando una giacca sbrilluccicosa, di notare sulla collina, seduti accanto al pastore, Lele Mora e Corona, di scorgere tratanti colori la maglietta azzurra di Cavani e il 58 di Simoncelli. Se guardate con attenzione noterete con gli zampognari Amy Winehouse fasciata in un vestito color senape, che di certo non passa inosservato, e Steve Jobs con Apple alla mano, sì, proprio quel modello che vorreste trovare sotto l’albero. http://www.napolitoday.it/challenge/foto/foto-cronaca-napoli/san-gregorio-armeno-pastori-2011/.

Impossibile? Affatto. A Napoli, a San Gregorio Armeno e precisamente nel laboratorio di Marco Ferrigno www.arteferrigno.it, nel presepe accade questo e altro. La tradizione, che da generazioni vede realizzare le natività artigianalmente, si sposa con il gossip, la politica, lo sport.
I più audaci potranno accomodarsi a loro volta accanto all’asinello e al bue. Come? L’idea è originale, basta portare una fotografia e scegliere se far realizzare la riproduzione in terracotta e aggiungere anche un outfit in tessuto. Le fasce di prezzo sono varie, ed è giusto informarsi, ma si parte dagli 80 euro circa in su.
Il mio presepe di napoletano ha ben poco. Quest’anno, infatti, abbiamo deciso di optare per un Natale più nordico, rispolverando la natività che mia mamma ha realizzato qualche tempo fa sperimentando le tecniche dei lavoretti fai da te.
Uno spunto che potrebbe divertirvi. Tutto quello che vedete (lo zoom è sulla capanna: Gesù Bambino, San Giuseppe, Maria, il bue, l’asinello e una pecorella… si avete capito male, non è un barboncino!) è stato realizzato con dei vasetti di terracotta, delle sfere di legno per le teste, dei nastri. Mi manca l’indicazione che ha seguito, ma posso segnalarvi questo link perché è molto simile.
http://www.mondosug.com/circolosug/socdisoc/presepioditerracotta.pdf
E l’albero dove lo metto? In attesa di stilare l’hit list di quelli più originali, ricordo un ever green, quello preparato dal mio amico Pepito proprio lo scorso anno con aglio, olio (campioncini di Olio Carli), peperoncino e rafia. Insomma una ricetta originale, gustosa, ecologica.
Cosa aggiungere? A ognuno il suo Natale, vi auguro serene feste dedicandovi una frase di Charles Bukowski che amo particolarmente.
“E’ Natale da fine ottobre. Le lucette si accendono sempre prima, mentre le persone sono sempre più intermittenti. Io vorrei un dicembre a luci spente e con le persone accese”.

Alessia Impagliazzo,

Presepe di Alessia